Cosa sono i pop up

/

Hai presente quando navighi su un contenuto web e spunta fuori quella finestra fastidiosa del browser dal nulla?

Sono i pop-up, e il loro significato letterale è proprio quello di oggetti che “spuntano fuori”, ma cosa sono i pop up davvero ti starai chiedendo.

A volte i pop up possono nascondere delle trappole per farti scaricare contenuti indesiderati, altre volte i pop up sono uno strumento di marketing in mano alle aziende online che vogliono semplicemente attirare la tua attenzione. 

In questo articolo ti spieghiamo cosa sono, come funzionano e a cosa servono i pop up.

Cosa sono i pop up: le tipologie

I pop-up sono letteralmente delle finestre del browser che appaiono dal nulla mentre si sta visualizzando un contenuto sul web sia da desktop che da mobile.

Spesso vengono utilizzati per scopi pubblicitari, in tempi non sospetti venivano usati per scopi poco etici, come installazione di dialer o per farvi atterrare su siti pieni di virus. Ora che abbiamo compreso cosa sono i pop up scopriamo le sue tre principali tipologie. 

La prima tipologia di pop up sono quelli che compaiono quando si clicca su qualcosa in una pagina web. La seconda tipologia di pop up sono le finestre che appaiono a caso.

La terza tipologia di pop up sono le finestre che si aprono senza l’intervento dell’utente, i più invadenti in assoluto. 

Solitamente i contenuti dei pop up sono invadenti, fastidiosi e che interrompono l’utente in quello che stava facendo: leggendo un articolo o guardando un video su un sito.  

Cosa sono i pop up: pericoli e rischi

Ora che abbiamo visto cosa sono i pop up e quali tipologie esistono, cerchiamo di capire quali sono i potenziali pericoli e rischi dietro a una finestra che si apre mentre stiamo consultando un contenuto.

I pop up possono anche nascondere dei programmi maligni che hanno il solo scopo di portarti su un sito pieno di virus.

Normalmente questa tipologia di pop up è una trappola che mostra avvisi che assomigliano ad avvertenze di pericolo o di sicurezza, per indurre la persona a cliccare in automatico, presa dal panico e in questo modo scaricare contenuti indesiderati sul tuo sistema. 

Un altro pericolo che potresti incontrare sono le finestre che sembrano pop up ma non lo sono. Può capitare che l’intera pagina nella finestra del browser non contenga alcun contenuto e non sia affatto una vera pagina, ma contiene una grafica che sembra essere una finestra pop up.

Così sei attirato a cliccare su un pop up che viene simulato, mentre è la pagina dietro che è parte di una pubblicità a tutto schermo che è una trappola spyware. 

Per essere prudenti, prima di cliccare, è sempre bene guardare la barra dell’url e verificare la tipologia di pagina sulla quale sei atterrato. 

La regola fondamentale per chiudere un pop-up è di farlo senza cliccare da nessuna parte all’interno della finestra stessa – indipendentemente da ciò che il messaggio mostra.

Il pulsante “X” dovrebbe essere la vostra prima opzione, di solito si trova nell’angolo in alto a destra della finestra. In alternativa, puoi cliccare con il tasto destro del mouse sul pulsante corrispondente della barra delle applicazioni e selezionare “chiudi” nel menu che appare.

A volte, il pulsante di chiusura può essere nascosto sul bordo dello schermo. Se questo è il caso, prova a tirare con attenzione la finestra pop-up dalla barra del titolo e trova la casella di chiusura. Altrimenti è sempre buona norma chiudere direttamente l’intera pagina nel browser. 

Cosa sono i pop up: le funzioni

Ora che abbiamo visto i potenziali pericoli dei pop up e perché gli utenti dovrebbero fare attenzione, specie su siti poco affidabili, bisogna comprendere non solo cosa sono i pop up, ma anche le loro funzioni utili ai fini marketing. 

Siamo tutti d’accordo che i pop up siano molto fastidiosi per l’utente perché interrompono la visione di un contenuto online, ma anche ogni altra forma di interruzione lo è, come la pubblicità.

Nonostante questo i pop up sono spesso utilizzati come strumento di marketing da molte aziende online, perché permettono di visualizzare i moduli di risposta, di proporre l’iscrizione a una newsletter o un codice sconto, un contenuto gratuito che abbia lo scopo di creare una mailing list. I pop up attirano l’attenzione degli utenti e per questo risultano utili a questi fini. 

Non tutti i pop up andrebbero chiusi subito e non solo perché potrebbero risultare maliziosi. Molte volte il web designer che crea il sito internet genera i pop up per proporre un vantaggio all’utente come abbiamo appena visto: codici sconto, contenuti e guide gratuite, webinar gratuiti, iscrizioni a newsletter altamente educative. 

Conclusioni

I pop up possono essere davvero fastidiosi, specie se stiamo seguendo un contenuto con passione e attenzione, per questo motivo i costruttori dei siti li hanno limitati molto rispetto agli inizi dell’avvento di internet, perché molte persone non prestano più attenzione e quindi risultano poco utili ai fini marketing. 

Quando ci si trova davanti a un pop up bisogna fare attenzione, specie se stiamo navigando su siti poco affidabili.