Instagram Marketing, il modo migliore per lanciare la propria attività sul social

/

Oggi i social media sono uno strumento diffuso non solo per il nostro divertimento e lo svago, ma anche in ambito lavorativo e capire questo può aiutare a lanciare il proprio brand.

Instagram è nato per condividere immagini ed è diventato una community tra le più seguite da molte generazioni, soprattutto i più giovani e quindi utile sotto l’aspetto professionale.

Per approfondire l’argomento, prosegui la lettura dal sito alphabetcity.it. Notizie esclusive su questo e altri argomenti simili ti aspettano.

Instagram è un social utilizzato da oltre un miliardo di utenti al mese ed è in continua ascesa soprattutto tra gli utenti giovani compresi tra i 18 e i 35 anni, che sono quelli a postare maggiori contenuti e stories.

E’ un social pratico e comunicativo, proprio per questo ha guadagnato popolarità in ambito del marketing, basandosi sulle immagini propone velocemente il messaggio che si vuole offrire. Si ha, in pratica, la possibilità di fare pubblicità attivamente e in maniera costante.

Proporsi su un social come Instagram è sicuramente utile, ma dipende dalle nostre capacità e dal budget che abbiamo a disposizione. Esistono professionisti per lanciare brand sul social, ma è possibile dare un’occhiata ai nostri consigli e mettersi in gioco.

Come per ogni cosa, non è saggio “un lancio nel buio”, ma è bene conoscerlo prima di utilizzarlo per la propria azienda. Un buon suggerimento è guardare le pagine di altri utenti che lavorano nel nostro settore per vedere come si propongono e cercare di fare confronti. Poi occorre capire come cercare di far crescere il proprio profilo.

Occorre adottare alcuni accorgimenti per aumentare le visualizzazioni verso il proprio profilo Instagram e utilizzare ciò che il social mette a disposizione. La cosa più utile è fare un programma, un progetto di quello che si vuole proporre e stabilire delle linee guida come decidere un calendario per i propri contenuti stabilendo la frequenza di pubblicazione.

Instagram è nato per condividere le foto, quindi serve scegliere foto accattivanti che attirino l’attenzione. La regolarità e la riconoscibilità aiutano ad aumentare popolarità e la popolarità equivale a più follower. Curare la bio, inserendo una breve storia di sé aiuta a farsi conoscere al meglio.

Gli hashtag sono uno strumento che aiutano gli utenti a indirizzarsi verso il proprio profilo, quindi occorre inserirli in maniera opportuna; rappresentano l’argomento di cui si parla e sono particolarmente importanti da curare, meglio sceglierli tra le parole chiave dell’attività proposta.

Con lo scopo di coinvolgere gli utenti si possono condividere messaggi di ispirazione, notizie del proprio settore, immagini del prodotto o, a seconda dell’impronta che si vuole dare, immagini dell’azienda o proprie. Interagire col pubblico è un buon modo per coinvolgere probabili clienti e seguire altri profili aiuta a farsi conoscere.

Instagram offre un contatto diretto con il pubblico, basta aprire i commenti per accedere al pensiero e giudizio di probabili clienti. E’ utile limitare invece i commenti offensivi che, purtroppo sui social non mancano, onde evitare spiacevoli conseguenze.

Importante è dividersi tra l’offerta estetica, che deve essere curata e piacevole, e l’offerta lavorativa. Per questo Instagram offre vari strumenti da utilizzare tra video, foto, commenti ecc e per questo esistono molte app, che coi i filtri, colori, scritte e suoni aiutano a proporre un’immagine unica.

Non sottovalutare le stories che, secondo gli esperti, nel marketing vengono utilizzate per fare domande o sondaggi inerenti il prodotto, interagire col pubblico, fare donazioni o countdown per uscite o aperture rilevanti.

Su Instagram non è importante solo esserci, ma anche apparire e farsi conoscere, la Live, cioè riprese in diretta, sono uno strumento che offre il social e che può avere una discreta utilità per la nostra attività. Anche se Instagram rimarrà il nostro social di riferimento, è sicuramente utile la condivisione su altri social.