Come migliorare le ricerche local della scheda Google My Business

/

Hai deciso di prendere in mano le redini della tua attività commerciale per farla svoltare in maniera decisiva? L’obiettivo, ovviamente, è accrescerne la visibilità nel tuo hinterland e non solo. Sappi allora che esiste un modo per poterlo fare, in grado di incrementare il numero di clienti; si tratta di Google My Business, il mezzo più utile per raggiungere risultati ragguardevoli in tempi anche brevi.

Sappi che lo scopo di Google gravita attorno alla necessità di fornire delle risposte rapide e immediate sulla pagina dei risultati, nota con il nome di SERP. Ragion per cui, se sul motore di ricerca si cercherà una consulenza su Milano, i risultati che ne derivano – sul my business – mostreranno quelli più vicini al luogo in cui si digita, impreziosendoli con le recensioni dei clienti.

Come si cura allora la gestione di Google my Business? Scopriamolo insieme.

Come usare Google per business?

Bene, prima ancora di addentrarci nelle specifiche di Google My Business, l’operazione preliminare è avere ben chiari gli obiettivi che ne derivano dal suo utilizzo:

  • Mettere in evidenza, in termini di visibilità, la propria attività commerciale;
  • Mettere in evidenza, in termini di visibilità, la propria attività commerciale;

Alla fine, più dettagliata sarà la presentazione delle aziende su Google My Business, maggiori saranno le opportunità di crescita e di traffico dell’utenza. Uno dei punti fondamentali sarà fornire un quadro dettagliato e veritiero sulla propria attività, condividendo con i clienti informazioni precise, puntuali e aggiornate. In questo modo, i clienti valuteranno sin da subito se l’offerta può essere compatibile rispetto alle proprie esigenze.

Come faccio a mettere la mia attività su Google?

Dal punto di vista pratico, il primo passo da compiere sarà registrarsi su Google My Business, crearsi quindi un profilo Google in correlazione a quello Gmail e cercare la propria attività sulla mappa che comparirà una volta effettuati questi passaggi.

Conclusa la registrazione correttamente, il prossimo step riguarderà la cura del profilo dell’attività che dovrà essere adeguatamente aggiornato con tutte le informazioni del caso: indirizzo, numero di telefoto, sito web, orari di apertura e chiusura ed eventuali offerte attive, in modo da poterle mostrare ai clienti che si imbatteranno nella tua azienda.

Un ulteriore valore aggiuntivo, nel caso non se ne possedesse già uno, sarebbe relativo alla creazione di un sito web ad hoc gratuito, da configurare in tempi brevi senza particolari difficoltà: verrà originato in automatico sfruttando le informazioni presenti sul profilo dell’attività, aggiornandosi di conseguenza.

Come migliorare posizione su Google my Business?

Il mondo di internet, un po’ come nella realtà di tutti i giorni, pullula di attività e brand vari che lavorano in un’area geografica definita. Per questo, affinché possano avere la vetrina che meritano, si prospetta come necessaria una strategia di posizionamento da adottare, nota col nome di Local SEO o, in alternativa, Local Search.

È proprio in questo contesto che entra in supporto Google my Business, la piattaforma ideale per poter gestire al meglio la propria attività in rete. Al fine di migliorarne la posizione online, ci sono alcune migliorie da apportare. Tra queste si distinguono:

  • L’inserimento di tutti i dati aziendali necessari, senza esclusioni: un’operazione impossibile da sottovalutare, preziosa per fare in modo che l’azienda sia visibile, per mettere in evidenza tutto quello che è in grado di offrire. Così, chi gravita sul web, potrebbe trasformarsi in un potenziale cliente. Inoltre, rivestono un ruolo decisivo le categorie e la loro relativa gestione, capaci di aumentare la visibilità dell’attività su Google;
  • La conduzione delle recensioni: i commenti dei clienti, che sul web assurgono al nome di feedback, sono il mezzo che più di altri conferiscono il giusto valore al brand che viene pubblicizzato. Imbattendosi nel parere dell’utenza, i nuovi clienti possono farsi un’idea sulla qualità dei servizi dell’attività che tengono sotto controllo;
  • Curare e controllare le sedi della propria attività: una prerogativa necessaria per fare in modo che la visibilità dei prodotti in vetrina su Google possa migliorare.

Gestione google my business

La gestione di Google My Business, com’è stato accennato, sarà bene indirizzata se soddisferà le esigenze di ricerca dei clienti in rete.

Perciò, non resterà che assecondare un approccio in grado di curare, monitorare e aggiornare costantemente le attività della propria azienda, così da poter comparire per primi su Google e far fronte alla concorrenza.

Procedendo in questo senso, l’evoluzione dell’attività sarà una conseguenza naturale. Nasceranno automaticamente nuovi prodotti con relativi servizi, collaborazioni, offerte e promozioni varie, compresi anche eventuali eventi in cantiere da condividere con l’utenza.

Grazie alla funzione Post, i gestori del profilo potranno aggiornarlo in maniera costante e in tempo reale, in concomitanza alla realizzazione di un piano editoriale costruito in maniera tale da monopolizzare l’attenzione di un possibile cliente, palesando quelli che sono gli obiettivi di marketing che si pone.